Categorie
Piemonte

Torino

Torino, chiamata Augusta Taurinorum in latino, città, capoluogo di Torino provincia e della regione Piemonte, nell’Italia nord-occidentale.

Si trova sul fiume Po, vicino alla confluenza con il Sangone, la Dora Riparia e la Stura di Lanzo.

Situata in un’ampia e fertile pianura ad est delle Alpi, Torino è uno dei più importanti centri industriali e di comunicazione d’Italia.

È un importante nodo stradale e ferroviario e dispone di un aeroporto internazionale. Preminente nell’industria automobilistica italiana, Torino è da tempo associata alla Fiat, che vi ha sede, ed è sede di stabilimenti Fiat e Lancia che producono gran parte della produzione automobilistica del Paese.

Alla fine del XX secolo, però, con il declino dell’industria automobilistica, la città ha cercato di diversificare la sua economia, e il turismo e la fabbricazione di prodotti ad alta tecnologia sono diventati sempre più importanti. Anche l’industria aeronautica, dei cuscinetti a sfera, della gomma e della carta sono importanti, così come la concia e la lavorazione della pelle, la tipografia e la litografia.

Ci sono industrie metallurgiche, chimiche, plastiche ed elettrotecniche. Il cioccolato e i vini (soprattutto il vermut) sono prodotti notevoli.

Nel 2006 Torino ha ospitato le Olimpiadi invernali, momento in cui Torino ha conosciuto una nuova giovinezza, con la creazione di nuove strutture (come la metro) e la riqualificazione di zone oramai abbandonate.

Al censimento del 2011 la popolazione residente era di 872,367 abitanti.

La Storia di Torino

L’originario insediamento di Taurisia, fondato dai Taurini, fu in parte distrutto dall’invasore cartaginese Annibale nel 218 a.C.. In seguito divenne una colonia militare romana, conosciuta successivamente come Julia Taurinorum e Augusta Taurinorum, ricostruita dall’imperatore Augusto sotto forma di un rettangolo chiuso diviso in 72 blocchi (insulae). Sono ancora visibili i resti delle mura e la Porta Palatina e le Torri Palatine.

Dominata dai barbari dopo il declino di Roma nel IV secolo, la città divenne parte del regno longobardo e poi dell’impero franco. Legata ai Savoia nel 1046 dal matrimonio della contessa Adelaide con il conte Odo di Savoia, riconobbe la supremazia sabauda nel 1280 dopo un periodo di semi-indipendenza e di conflitto. Occupata dai francesi dal 1536 al 1562, Torino divenne capitale del ducato di Savoia nel 1563. Fu assediata nel 1640 e nel 1706 (durante la guerra di successione spagnola) dai francesi, sconfitti da Eugenio di Savoia nel 1706, e fu nuovamente occupata dai francesi durante le guerre napoleoniche.

La città divenne capitale del regno di Sardegna nel 1720 e nell’Ottocento divenne il centro politico e intellettuale del Risorgimento, il movimento per l’unificazione politica italiana. Fu la prima capitale dell’Italia unita dal 1861 al 1865. Durante la seconda guerra mondiale Torino subì pesanti danni a causa dei bombardamenti aerei.

Le Chiese di Torino

Vescovato dal 415 circa e arcivescovato dal 1510, Torino è ricca di architettura ecclesiastica. Tra le chiese ricordiamo

  • La Consolata, che ha subito diverse modifiche, in particolare dall’architetto barocco Guarino Guarini alla fine del 1600;
  • la Chiesa Valdese (1853), la prima chiesa protestante di Torino;
  • la vicina basilica di Superga (1717-31), la chiesa sepolcrale reale.

La cattedrale rinascimentale di San Giovanni Battista (1498), con la geniale Cappella di Santa Sindone (1694) del Guarini, ospita la Sindone di Torino, un telo di lino che si pensava fosse la veste funebre di Gesù. La cattedrale e la cappella sono state gravemente danneggiate da un incendio nell’aprile 1997 e sono state sottoposte a importanti lavori di restauro.

I Palazzi di Torino

Città ducale e reale per secoli, Torino ha molti bei palazzi. Il Palazzo Madama, iniziato nel XIII secolo, deve il suo nome alle vedove residenti dei duchi di Savoia del XVII secolo. Utilizzato dal Senato sardo nel 1848-60 e dal Senato italiano nel 1861-64, oggi ospita il Museo delle Arti Antiche.

Palazzo Carignano (1679), luogo di nascita (1820) del re Vittorio Emanuele II e un tempo luogo di incontro della Camera dei deputati sarda e del primo Parlamento italiano, oggi ospita il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano.

Il Palazzo Reale (1646-58) ospita l’Armeria Reale, con una delle più belle collezioni di armi d’Europa.

L’Accademia delle Scienze (1678), già collegio dei Gesuiti, ospita oggi il Museo delle Antichità, il Museo Egizio e la Galleria Sabauda.

Altre strutture secolari sono i resti dell’antica cittadella, la Mole Antonelliana, iniziata nel 1863 come sinagoga e poi completata dalla città, il moderno Palazzo delle Esposizioni e la Galleria d’Arte Moderna di Torino e numerosi monumenti pubblici a personaggi significativi del passato torinese. Altri musei espongono collezioni di artiglieria, automobili, montagna, cinema, storia naturale, zoologia, paleontologia e mineralogia. Sono presenti anche diverse belle biblioteche.

L’Università di Torino è stata fondata nel 1404. Tra le altre istituzioni educative ricordiamo il Politecnico di Torino (1859), la Galleria dell’Accademia Albertina (1652), il Conservatorio Musicale di Stato Giuseppe Verdi (1867), l’Istituto di Studi sull’Organizzazione Aziendale e Industriale (1935), l’Istituto Universitario di Studi Europei (1952).

Il clima a Torino

A Torino la temperatura media invernale è di 32,5 °F (0,3 °C) e quella estiva di 74 °F (23 °C). La pioggia cade principalmente in primavera e in autunno e aumenta con l’altitudine. La neve è scarsa e cade solo sull’altopiano. Le temperature lungo la costa adriatica aumentano costantemente da nord a sud, in parte a causa della latitudine decrescente e in parte perché i venti prevalenti sono da est a nord ma da sud a sud.