Categorie
Lombardia

Milano

Milano, città e capoluogo dell’omonima provincia e della regione Lombardia, nell’Italia settentrionale. È il principale centro finanziario e la più prospera città manifatturiera e commerciale d’Italia.

Il destino di Milano, come quello di molte grandi città del mondo, rimane un paradosso storico. Ci sono potenti fattori a sostegno della tesi che Milano avrebbe dovuto diventare la capitale dell’Italia unificata, e questa è la convinzione di molti milanesi, nonostante il fatto che l’unità d’Italia sia nata in realtà a Torino, piuttosto che a Milano, nel 1870.

Milano, tuttavia, è la città più industriosa e vitale che abbia raggiunto il primato da quando l’antica terra d’Italia ha preso coscienza di sé stessa come moderno Stato-nazione. La superficie della città è di 182 km quadrati; la provincia ha un’estenzione di 1.980 km quadrati. La popolazione, secondo l’ultimo dati Istat (2001) è di 1.256.211 abitanti, mentre la provincia ha 3.707.210 abitanti.

Il carattere di Milano

Il fatto che Milano sia lontana da gran parte del resto d’Italia, che sia periferica in senso geografico, non spiega la sua posizione di “seconda città“, posizione che ha sempre combattuto invano. Anzi, alcune delle più grandi capitali europee sono periferiche in questo senso. Il ruolo di Milano è stato piuttosto la conseguenza dell’immensa importanza storica e dell’enorme accumulo di miti e simboli che hanno conferito all’antagonista di Milano, Roma, un inevitabile prestigio. Durante il Risorgimento, il movimento ottocentesco per l’unificazione italiana, Roma divenne il cuore di un futuro anticipato nelle fantasie collettive del popolo italiano.

Eppure, sebbene Roma rimanga la capitale politica d’Italia, Milano è da tempo conosciuta come la sua “capitale morale”. Quando i milanesi affermano che la loro città è la capitale morale, non solo esprimono l’antico regionalismo tipico di tutta Italia e conosciuto come campanilismo (un riferimento alla campana di ogni città), ma si riferiscono anche alla qualità e ai valori della città, storici e contemporanei. E se il resto d’Italia, Roma compresa, accetta questa affermazione (o piuttosto accetta il fatto che l’affermazione è fatta) è perché è più di una semplice affermazione. La pretesa è giustificata da contributi in ogni campo (economico, culturale e ideologico) che la città di Milano, in tempi moderni, e in particolare dopo l’unità d’Italia, ha fatto allo Stato italiano.

È stato in parte a causa di un’opposizione alla natura di Roma come capitale di governo, e quindi alla percezione di capitale fiscale, di spesa pubblica e di politica, che è nata l’immagine di Milano come capitale morale dell’Italia. Questo concetto è stato cementato alla fine del XIX secolo quando una Milano industrializzata si è imposta come capitale dell’innovazione, della produzione e dei valori di efficienza che i milanesi consideravano assenti a Roma. Il senso di superiorità morale della città (in particolare l’idea che i milanesi fossero moralmente superiori per la loro positiva etica del lavoro) si rafforzò man mano che Milano divenne il centro dell’industria e della finanza italiana, nonché il motore dello straordinario sviluppo economico del Paese nel XX secolo. Oggi Milano è la città più ricca d’Italia e una delle più ricche d’Europa.

Anche se molti intellettuali, scrittori e artisti hanno abbandonato la città per Roma, Milano è riuscita a mantenere viva una curiosità e uno spirito polemico che coinvolge non solo se stessa e Roma, ma anche tutte le altre città d’Italia. L’accresciuta importanza dei mass media in Italia, in particolare delle reti televisive milanesi, ha favorito anche la prospettiva milanese, anche se questo sviluppo non ha danneggiato l’immagine poetica di Roma né ha ridotto il carattere prosaico di Milano. Tuttavia, quando si ricorda che nell’Ottocento uno scrittore come Stendhal, uno dei giganti della cultura francese, volle proclamarsi “milanese” nel suo epitaffio, si deve credere al fascino che Milano esercitava allora, e che ancora esercita, e di cui la città è pienamente consapevole.

Paesaggio milanese

Milano si trova nel cuore del bacino del Po nel Nord Italia, a metà strada tra l’immensa pianura che si estende tra il Ticino e l’Adda con un’altezza media dal livello del mare di 122 metri.

A nord si trova la grande distesa del versante meridionale delle Alpi. Tra questo semicerchio di montagne e il corso del fiume Po a sud, si trova una zona arida verso nord ma paludosa vicino al Po, che si trasforma in una distesa di paludi e risaie. È sulla linea di demarcazione tra queste due zone, fortemente differenziate, che Milano è sorta, anche se ormai solo le paludi segnano il luogo dell’antica città. I primi abitanti rafforzarono le loro difese attraverso i piccoli corsi d’acqua del Sèveso, del Nirone, del Lambro e dell’Olona.

Clima

Il clima di Milano è continentale, con inverni umidi e freddi ed estati calde e umide. La neve cade tra dicembre e febbraio e la primavera è generalmente piovosa. In inverno le temperature oscillano tra i -1 e 10 °C e in estate tra i 22 e 34 °C. Caratteristica del bacino del Po, la nebbia spesso avvolge la città in inverno. La rimozione delle risaie dai quartieri meridionali e la chiusura della maggior parte dell’industria pesante della città hanno ridotto il fenomeno. Tuttavia, ciò è stato in qualche modo compensato dalla crescita di un’area edificata quasi ininterrotta intorno alla città, che riduce la circolazione dell’aria locale, e dallo smog grigio, o inquinamento atmosferico legato al traffico, che spesso ricopre la città.

La struttura della città

Ogni periodo di crisi storica, di avanzamento e di consolidamento si è riflesso nella struttura organica di Milano. Per mille anni il nucleo della città è stato situato a sud-ovest dell’attuale cattedrale, il Duomo, ed era costituito dalla città rettangolare a quattro porte di Mediolanum, con strade che da ogni porta si spingevano verso la campagna circostante, insieme a una difesa esterna irregolare consolidatasi in epoca carolingia (VIII-IX secolo). Questo nucleo ha influenzato il progetto della città fino ai tempi moderni.

La lotta dinastica e l’imposizione dell’autorità transalpina (spagnola, austriaca e francese) hanno portato ulteriori cambiamenti. La città fu rasa al suolo nel 1162, e in seguito fu costruito un ovale allargato (il tracciato delle sue mura esterne è ancora rintracciabile nelle strade contemporanee). La dominazione spagnola portò alla costruzione di un altro anello esterno, risultato delle ricostruzioni del XVI secolo. Anche questo è rintracciabile nei viali contemporanei.

All’interno del centro della città, l’attività principale si concentrava sul Castello Sforzesco, prodotto delle lotte dinastiche del XV secolo, rafforzato dagli spagnoli nel secolo successivo; la Piazza Mercanti, centro dell’attività economica medievale; e la grande Piazza del Duomo, allestita davanti alla cattedrale nel 1489.

Nel 1805, quando l’imperatore francese Napoleone I fece della città la capitale del suo impero, intraprese un ambizioso programma urbanistico, e intorno al Castello Sforzesco fu costruito un elegante viale (il Foro Bonaparte). Il castello, il duomo e una nuova area commerciale incentrata sulla Piazza Cordusio diventarono il centro della città.

Più volte, a partire dalla fine dell’Ottocento, gli urbanisti hanno posto le basi di un piano più organico, bypassando il tradizionale piano stradale a raggiera, in modo che i nuovi quartieri potessero avere ampie strade e viali che si intersecavano ad angolo retto. A metà del XX secolo, in particolare durante il periodo del cosiddetto “miracolo economico”, la moderna attività urbanistica e architettonica della città ha attirato l’attenzione internazionale. Il Palazzo Pirelli (progettato da Gio Ponti, 1955-59), la Torre Velasca (1958) e il Palazzo Olivetti (metà degli anni Cinquanta) in via Clerici sono tra le strutture moderne di nota architettonica.

Il XX secolo ha visto anche lo sviluppo di interi quartieri industriali al di fuori dei confini della città, in particolare a nord e nord-est (soprattutto intorno a Sesto San Giovanni) e a sud e sud-ovest. Oggi la città si unisce alle città satellite della sua periferia per formare parte di un enorme agglomerato urbano che si estende attraverso il bacino del Po verso Torino a ovest e Venezia a est.

I centri delle aree periferiche più recenti (tra cui Bollate, Novate Milanese, Cusano Milanino, Cinisello Balsamo, Sesto San Giovanni) e la città vecchia di Monza (15 km a nord-est) sono collegati al nucleo della città antica da importanti arterie.

Persone

La popolazione di Milano ha visto un rapido incremento dopo la seconda guerra mondiale (1939-45); è cresciuta di circa 400.000 persone nei 15 anni successivi al 1950. L’aumento è dovuto principalmente all’afflusso di immigrati provenienti dal sud e dal nordest italiano impoverito, alla ricerca di migliori condizioni nelle fabbriche del nord industriale. Questa migrazione interna di massa ha raggiunto il suo apice negli anni del “miracolo economico” (1958-63), quando migliaia di immigrati arrivavano ogni giorno alla Stazione Centrale di Milano. Luchino Visconti ha racchiuso il dramma di questo momento nel suo film classico Rocco e i suoi fratelli.

La pressione demografica ha portato alla crescita di borghi urbani autocostruiti nelle campagne intorno a Milano e all’espansione della città stessa. Questa pressione si è ridotta negli anni Settanta e la popolazione di Milano ha cominciato a diminuire. I tassi di natalità calarono drasticamente, come nel resto d’Italia, e la popolazione della città cominciò a invecchiare.

Tuttavia, dalla metà degli anni Settanta in poi, Milano ha ospitato un nuovo movimento migratorio, questa volta proveniente dall’estero. Questi nuovi immigrati provengono da diversi Paesi, ad esempio dal Marocco, dall’Egitto, dal Senegal, dal Senegal, dalle Filippine e dall’Ecuador. La comunità cinese, presente in città fin dagli anni Trenta, ha conosciuto una notevole crescita negli anni Ottanta. Dopo il 1990 sono arrivate numerose persone dall’Europa orientale, in particolare dall’Albania. Alla fine degli anni ’90 a Milano e provincia c’erano più di 150.000 immigrati non italiani, e un nuovo scolaro su 10 a Milano era di origine non italiana. L’immigrazione dall’estero ha continuato ad essere un importante trend demografico all’inizio del XXI secolo.

Economia

Milano, il centro economico più importante d’Italia, deve questo fatto in parte alla sua posizione geografica, che le ha sempre dato vantaggi come centro di mercato; infatti, i mercati all’ingrosso più importanti d’Italia si trovano ancora a Milano. La città si trova ad un nesso delle vie di comunicazione della pianura padana e si trova al confine tra l’agricoltura avanzata delle fertili pianure irrigue del sud e la limitata agricoltura del nord. Milano si trova anche sulla direttrice principale che collega l’Italia al resto d’Europa. Lo sviluppo industriale del XX secolo ha ulteriormente stimolato l’attività commerciale della città. Di grande importanza è stato il commercio d’esportazione; le esportazioni milanesi hanno incluso fibre artificiali, articoli in cotone e lana, prodotti chimici e macchinari. Alla fine del XX secolo, tuttavia, le industrie manifatturiere sono state sostituite dal settore dei servizi.

Industria e Moda a Milano

Per la prima metà del XX secolo le industrie meccaniche hanno dominato l’economia milanese. La produzione di automobili (come quelle dell’Alfa Romeo), motociclette e scooter (in particolare la Lambretta), aerei, grandi elettrodomestici, materiale ferroviario e altre lavorazioni metalliche impiegava quasi la metà della forza lavoro. Altra produzione significativa è stata quella del massiccio stabilimento di gomma dell’azienda Pirelli, ancora oggi importante. La produzione chimica era un tempo di notevole importanza, ma ora si è in gran parte allontanata dalla città. I tessili (cotone, canapa, seta e fibre artificiali), tuttavia, vengono ancora prodotti nella regione. Dalla fine della seconda guerra mondiale, praticamente tutta la crescita industriale si è concentrata nelle zone periferiche della città.

Nella città stessa predominano le manifatture di abbigliamento pronto per l’uso e le mode dei designer. Dall’inizio degli anni Ottanta l’industria della moda milanese ha raggiunto una grande importanza commerciale e la città ospita i saloni di alcuni dei più noti stilisti del mondo: Armani, Versace, Ferré, Ferré, Prada, Dolce & Gabbana e Missoni. Gli affascinanti showroom di stilisti si concentrano attorno all’elegantissimo “Blocco d’Oro” (o “Quadrilatero della Moda“) delle strade del centro città, da via Monte Napoleone a Via della Spiga.

Finanza e altri servizi

Dalla fine degli anni ’70, poiché la maggior parte delle industrie tradizionali ha chiuso completamente o si è trasferita in località extraurbane, Milano è diventata la prima e più riuscita città “postindustriale” d’Italia, con una concentrazione di industrie di servizi redditizie, come quelle pubblicitarie e del commercio all’ingrosso e al dettaglio, in particolare quelle legate all’industria della moda. Il settore dei servizi di Milano ha beneficiato dell’efficienza delle banche della città e del mercato azionario, la Borsa Italiana, situata in Piazza degli Affari nel centro della città, a due passi da Piazza Cordusio.

Oltre al design dell’abbigliamento, Milano è un centro mondiale del design in generale. Numerose piccole aziende di alta qualità sono specializzate nella progettazione di mobili, nella grafica e in altri settori. L’industria del design rimane centrale nella zona della Besana in Brianza, a nord della città.

Un’altra parte degna di nota del settore dei servizi della città è la comunicazione. Milano è la sede di Mondadori, il grande gruppo editoriale italiano, dei quotidiani Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport (RCS) e del newsmagazine L’Espresso (GEDI). Inoltre, Milano è la capitale della televisione privata in Italia, dominata dall’impero mediatico di Silvio Berlusconi, imprenditore che è stato più volte primo ministro italiano. Il suo gruppo mediatico, con sede a Segrate, ha dato vita a una serie di industrie specializzate legate alla televisione privata, come la pubblicità, il doppiaggio, la fotografia e il cinema. La posizione di Milano come centro dei media elettronici in Italia è stata rafforzata dalla rapida crescita di industrie ad alta tecnologia, tra cui le telecomunicazioni, l’elaborazione dati, la produzione di software e la progettazione di Internet.

La città, in quanto principale centro di scambio in Italia, ospitava ogni anno la Fiera Campionaria di Milano, che si è classificata come una delle principali fiere di settore in Europa. Questa fiera si è poi ramificata in una serie di fiere specializzate che si sono succedute nel corso dell’anno, tra cui eventi dedicati alla moda in primavera e in autunno, una fiera del design (Il Salone del Mobile), una massiccia fiera dell’elettronica e delle nuove tecnologie mediche (SMAU).

Trasporti a Milano

Oltre ad essere un centro di produzione e di scambio, Milano è un centro di trasporto nazionale. Una vasta rete di comunicazioni stradali e ferroviarie si estende verso le zone periferiche, in particolare verso nord, e diversi aeroporti servono la città. Alcune delle linee più trafficate del sistema ferroviario nazionale, le Ferrovie dello Stato (FS), passano per Milano. I collegamenti principali e le gallerie transalpine collegano la città con il resto d’Italia e con tutte le parti d’Europa, e ci sono molti treni non stop da e per le principali città.

Le stazioni ferroviarie sono integrate nel paesaggio cittadino attraverso un piano attentamente progettato ed eseguito (il passante); il più grande sito di carico ferroviario all’interno della città è la Stazione Centrale.

La rete stradale che converge su Milano porta un flusso incessante di viaggiatori stranieri e nazionali. Tra le principali autostrade che portano da e per la città c’è la famosa Autostrada del Sole, che attraversa la spina dorsale della lunga penisola italiana. Milano ha un grande aeroporto internazionali, Linate, e può contare su altri due aeroporti internazionali molto vicini Orio al Serio (Bergamo) e Malpensa (Varese).

Il servizio di trasporto metropolitano (ATM) gestisce un vasto sistema di linee di autobus, tram e metropolitana in tutta l’area urbana. La prima linea metropolitana della città è stata inaugurata nel 1964. La costruzione di un sistema di metropolitana leggera è iniziata alla fine del XX secolo.

Eppure, nonostante la disponibilità di mezzi di trasporto di massa, Milano ha un alto tasso di proprietà di auto private, che ha creato problemi di traffico e di parcheggio, oltre a un enorme aumento dell’inquinamento, fin dai primi anni Ottanta. I funzionari delle amministrazioni locali sono stati occasionalmente costretti a vietare tutto il traffico privato per ridurre i livelli di smog, fino a imporre le aree B e C per limitare l’uso delle auto in città.

Amministrazione di Milano

All’interno della Regione Lombardia esistono tre distinte autorità (comunale, provinciale e regionale) che sono tutte e tre sotto l’autorità della Repubblica Italiana.

In primo luogo, c’è il comune di Milano, guidato da un sindaco e da un consiglio eletti. Questo organo è responsabile della gestione delle attività della città, dell’educazione pubblica, del controllo del traffico, della manutenzione stradale e dei servizi di trasporto.

In secondo luogo, la provincia di Milano (ora area della Città Metropolitana) governa l’area intorno alla città. Ha diverse competenze in materia di sviluppo infrastrutturale e di politiche culturali. La provincia di Milano si sta restringendo da tempo, poiché diverse singole città, come Lodi e Lecco, sono diventate a loro volta province.

In terzo luogo, la regione Lombardia ha un governo regionale eletto, istituito con statuto nazionale nel 1970 e con sede a Milano. È diventata sempre più potente in quanto lo Stato italiano ha devoluto alle regioni una serie di poteri, come l’amministrazione della sanità pubblica.

Dopo la seconda guerra mondiale, la città è stata governata principalmente dal Partito Democratico Cristiano e, dalla fine degli anni Sessanta in poi, dal Partito Socialista Italiano in varie alleanze con altri partiti di sinistra e centristi. Negli anni Novanta il centro-destra prese il potere: un cambiamento politico dovuto in parte alla perdita della base operaia milanese. Come la città, anche la regione ha vissuto un lungo periodo di governo di centro-sinistra, seguito negli anni Novanta da una tendenza al centro-destra.

La vita culturale

Il più suggestivo tra i monumenti della Milano contemporanea è il Duomo, il trionfo dell’architettura gotica; è una delle più grandi chiese dell’Europa contemporanea, con più di 20.000 abitanti. Iniziata nel 1386, ha richiesto cinque secoli per essere completata e sorge sull’area occupata un tempo dalle chiese di Sta. Tecla e Sta. Maria Maggiore.

La facciata gotica della cattedrale fu completata sotto Napoleone I. Le parti più imponenti del Duomo sono gli aspetti laterali, le due croci superiori e l’abside. In quest’ultima, una forte impressione è data dalle tre immense finestre gotiche di marmo finemente intagliato. L’involucro, di marmo italiano rosato, si trova su tutti i lati della struttura. Al livello inferiore, dà carattere ai piccoli archi trilobati, ai capitelli e ai fiori; appare anche sui contrafforti e, sopra di essi, corre lungo la fila di coronamento di statue gigantesche; sopra di essi, copre le grondaie decorate e, infine, valorizza lo stemma ornamentale lacellulare. L’esterno della cattedrale è coperto da una notevole profusione di torrette, pinnacoli e oltre 3.000 statue. All’interno si trovano 52 pilastri, ognuno alto più di 80 piedi (24 metri) e più di 3 metri (10 piedi) di diametro, che portano, al posto dei capitelli, una corona di statue all’interno delle loro nicchie.

Il più notevole dei numerosi palazzi della città è il Palazzo di Brera, la cui costruzione risale al 1651. Il suo architetto, Francesco Maria Ricchino, infuse tutto il barocco milanese con il suo stile severo. La Pinacoteca di Brera, fondata nel 1809 da Napoleone, è una delle più grandi gallerie d’arte d’Italia e contiene una bella collezione di pittura del nord Italia. Il Palazzo di Brera ospita anche la Biblioteca Nazionale Braidense, e il suo bellissimo cortile è dominato dalla statua di Napoleone di Antonio Canova. Sempre durante il dominio di Napoleone, fu iniziata la costruzione di un enorme arco di trionfo, poi chiamato Arco della Pace, che si trova ai margini del Parco del Sempione.

Appena fuori dal Corso Garibaldi sorge la Basilica di San Simpliciano, che secondo la tradizione fu fondata nel IV secolo da Sant’Ambrogio. Nell’abside si trova l’affresco quattrocentesco dell’Incoronazione della Vergine di Ambrogio Bergognone. Altre chiese notevoli nella zona centrale sono San Satiro, Sant’Eustorgio, San Lorenzo Maggiore e San Babila.

Nell’ex refettorio del convento domenicano di Santa Maria delle Grazie si trova l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci, uno dei più famosi affreschi del Rinascimento. È stato completamente riaperto al pubblico nel 1999 dopo un lungo e controverso restauro.

In via Monte Napoleone si trovano diversi bei palazzi, tra cui il palazzo Bagatti-Valsecchi, oggi ristrutturato e adibito a museo. Nelle vicinanze, in via Manzoni, si trova l’ottimo Museo Poldi Pezzoli. Nelle vicinanze si trovano anche:

  • il Museo Civico di Storia Naturale, situato nei giardini pubblici oltre Piazza Cavour;
  • la Galleria d’Arte Moderna, nella Villa Reale;
  • l’adiacente Padiglione d’Arte Contemporanea, capolavoro del modernismo

L’ultimo edificio è stato distrutto da una bomba nel 1993 ma è stato ricostruito, secondo il progetto originale, nel giro di pochi anni. Frequenti mostre e una collezione permanente di design italiano sono ospitate nel palazzo della Triennale, progettato nel 1933 da Giovanni Muzio, nel Parco del Sempione.

Oltre alla Biblioteca Nazionale Braidense, sono significative anche la Biblioteca Ambrosiana (fondata nel 1609) e la Biblioteca Sormani, ramo principale del sistema bibliotecario pubblico. Altre eccellenti biblioteche si trovano nelle università e nei circoli filologici dell’Istituto Lombardo, Accademia di Scienze e Lettere (Istituto Lombardo, Accademia di Scienze e Lettere). Anche l’Archivio di Stato contiene un’imponente collezione.

Milano è sede di diverse università, tra cui:

  • l’Università Cattolica del Sacro Cuore (1920), una delle migliori scuole cattoliche romane in Italia;
  • l’Università Bocconi (Università Commerciale Luigi Bocconi; 1902), che offre lauree in economia, commercio e diritto;
  • Politecnico di Milano (1863), con programmi in ingegneria, architettura e disegno industriale;
  • l’Università IULM di Lingue e Comunicazione IULM (Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM), fondata nel 1968 come Istituto Universitario di Lingue Moderne (Istituto Universitario di Lingue Moderne; IULM);
  • L’Università Statale di Milano (Università degli Studi; 1923) ha sede nell’Ospedale Maggiore, tra i primi edifici rinascimentali della Lombardia.

Un altro importante istituto di istruzione superiore della città è il Conservatorio di Milano.

Il Teatro alla Scala di Milano, costruito nel 1776-78 su progetto del grande architetto neoclassico Giuseppe Piermarini, è uno dei grandi teatri lirici del mondo. Danneggiato dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, il Teatro alla Scala fu rapidamente ricostruito e riaperto con un concerto di Arturo Toscanini nel 1946. All’inizio del XXI secolo sono stati effettuati anche ampi lavori di ristrutturazione. La città ospita diversi altri teatri, tra cui il Teatro San Babila e il Teatro Piccolo.

Nella parte meridionale della città, in particolare, sono ancora presenti tratti dei Navigli, una rete di canali di comunicazione e di trasporto del XVI secolo. Un tempo queste zone dei Navigli erano tra le più povere della città, ma negli anni Ottanta hanno cominciato a svilupparsi come centri per le piccole imprese (soprattutto quelle legate all’industria della moda) e per la vita notturna. Oggi queste zone attirano grandi folle di persone che frequentano i numerosi bar, ristoranti e negozi che si trovano lungo i canali.

Milano è il principale centro sportivo d’Italia. L’enorme e spettacolare stadio di San Siro, ricostruito per i Mondiali di calcio del 1990, si trova al margine nord-occidentale della città. Sia il Milan che l’Inter giocano le loro partite casalinghe al San Siro, che può ospitare fino a 80.000 persone. Il vicino Ippodromo San Siro, un grande complesso ippico, è uno dei migliori d’Europa.

Anche il Lago Idroscalo, un lago artificiale vicino all’aeroporto di Linate, è un’area ricreativa molto apprezzata.

L’autodromo del Gran Premio di Monza ha una reputazione internazionale, benché venga collegato a Milano si trova in un’altra provincia (appunto Monza).

Storia di Milano

Il primo insediamento sul sito di Milano fu fondato dai Galli intorno al 600 a.C. e nei secoli successivi divenne la capitale di una tribù celtica nota come Insubre. Al tempo della conquista romana nel 222 a.C., Mediolanum, come veniva allora chiamata, era già una delle città più potenti della regione nota come Gallia Cisalpina (sul versante romano delle Alpi). Sotto l’imperatore Augusto, entrò a far parte dell’undicesima regione d’Italia e acquisì sempre più prestigio e potere economico fino a diventare la seconda città dell’Impero Romano d’Occidente, alle spalle di Roma stessa. Nel III secolo d.C., in seguito alla divisione dell’impero istituita dall’imperatore Diocleziano, fu assegnata come residenza e principale centro amministrativo dell’imperatore in Occidente. L’imperatore Costantino I (il Grande) la dichiarò sede del vicario d’Italia. Nell’anno 452 Attila l’Unno devastò la città, e nel 539 i Goti la distrussero.

La città, però, non perì del tutto a causa di queste incursioni barbariche, e nella seconda metà del X secolo la vita cittadina si riprese con rinnovato vigore. Sotto i Carolingi (la regione fu incorporata nei domini di Carlo Magno nel 774), la vita a Milano mostrò una maggiore vitalità, soprattutto grazie all’impegno dell’arcivescovo Ansperto da Biassono, che alla fine del IX secolo ricostruì e rafforzò le mura cadute della città. Sotto Ariberto da Antimiano (1018-45), il potere politico dell’arcivescovado raggiunse il suo apogeo. Questa assunzione di potere temporale da parte degli arcivescovi, risalente circa agli anni 1000, può essere considerata come l’origine della successiva grandezza di Milano.

Nel 1045, però, a causa delle tensioni generate dall’autorità degli arcivescovi e della crescente crescita e stabilità della città nel suo complesso, Milano si costituì come comune, con strutture di governo permanenti e autonome. Nella conseguente lotta per il primato tra le città lombarde, Milano fu coinvolta in una serie di lunghe battaglie contro i suoi vicini meno prosperi come Cremona, Como e Lodi. Nel 1111 i milanesi rasero al suolo Lodi e, dopo un’aspra lotta durata dal 1118 al 1127, Como fu distrutta.

Questo fu il pretesto per l’intervento di Federico I Barbarossa, che decise di porre Milano sotto la diretta autorità del potere imperiale centrale del suo Sacro Romano Impero. La città resistette fino al 1162, quando cedette dopo un assedio di nove mesi. Le sue fortificazioni furono poi rase al suolo, e la distruzione della città fu tale che i milanesi furono costretti a cercare rifugio nelle campagne circostanti. La guerra continuò fino al 1183, anno della Pace di Costanza, anche se Milano, ricostruita nel 1167 sotto l’egida della neonata Lega Lombarda, ebbe un ruolo importante nella sconfitta delle forze tedesche del Barbarossa nella battaglia di Legnano del 1176. Conquistati i suoi privilegi, la città raggiunse una splendida fioritura economica nei successivi 100 anni.

Conflitti feudali e dinastici

Nei primi anni del XII secolo, le nuove classi industriali, in particolare le corporazioni dei lavoratori della lana e degli armamenti, erano cresciute costantemente in potere e influenza. La natura feudale del rapporto tra l’arcivescovo di Milano e i suoi alleati costrinse l’arcivescovo a fare enormi concessioni alle forze sociali e politiche emergenti tra la cittadinanza per rafforzare il proprio partito, diminuendo così i privilegi finanziari della Chiesa.

All’inizio del XIII secolo, in seguito all’inasprirsi dei rapporti con l’imperatore Federico II, i milanesi proclamarono Pagano della Torre, membro di una famiglia emergente come leader dei gruppi di potere meno feudali della città, come loro protettore. Le forze cittadine furono tuttavia sconfitte dall’imperatore nella battaglia di Cortenuova (1237). Nel frattempo i milanesi furono ulteriormente coinvolti nella lotta internazionale tra simpatizzanti papali (i guelfi) e sostenitori del Sacro Romano Impero (i ghibellini). I Della Torre (o Torriani), capi delle forze popolari, assunsero il nome di Guelfi; i Visconti, altra potente famiglia milanese, capeggiarono la fazione ghibellina, sostenuta dall’aristocrazia.

All’ombra della lotta tra i Torriani e i Visconti, è nata l’era della signoria-governo guidata da un signore. Nel 1277 Ottone Visconti, arcivescovo di Milano, sconfisse i Torriani nella battaglia di Desio. Gli successe il pronipote Matteo I Visconti e, a partire dal 1311, Matteo e i suoi eredi regnarono come signori supremi della città e dello Stato circostante, sostituendo le forme politiche del comune. Nel 1395 Gian Galeazzo Visconti ottenne il titolo di duca di Milano. In questo periodo l’economia industriale e mercantile conobbe un rapido sviluppo, dando vita ad ulteriori potenti coalizioni di interessi economici.

Nel 1450 Milano si trovò nuovamente assediata. Francesco Sforza, un generale spietato e ambizioso, occupò la città e fondò una nuova dinastia, basando la sua pretesa sul matrimonio con una figlia illegittima di uno dei Visconti. Inizia allora un periodo di prosperità per Milano, basato sul potere degli Sforza e sull’introduzione dell’industria della seta. Era il periodo d’oro del Rinascimento italiano, caratterizzato dallo splendore della corte sforzesca.

La dinastia degli Sforza non ebbe che un breve godimento del potere. Nel 1499 il ducato di Milano cadde nelle mani di Luigi XII, re di Francia, che era anche un lontano discendente dei Visconti. Nel 1500 Ludovico Sforza (detto anche Il Moro) conquistò lo stato ma fu sconfitto a Novara nello stesso anno. I francesi continuarono a governare fino al 1513, quando furono rovesciati da Massimiliano Sforza, figlio del Moro, che aveva l’assistenza svizzera. Ma Francesco I, successore di Luigi XII, riconquistò Milano nella sua celebre vittoria di Marignano (oggi Melegnano) nel 1515. Secondo le condizioni di un trattato di pace firmato nel 1529, Milano fu restituita agli Sforza, ma nel 1535 il duca in carica morì inaspettatamente. Milano e l’intero stato milanese caddero allora sotto il dominio dell’imperatore asburgico Carlo V.

Evoluzione della città moderna

L’imperatore Carlo V nel 1540 investì suo figlio (il futuro Filippo II di Spagna) con il ducato di Milano. Sotto il dominio spagnolo (che durerà fino al 1706) l’élite politica e artistica di Milano soccombe rapidamente. Il drammatico periodo di lotta dinastica, che fu anche un periodo di crescita economica, fu sostituito da un lungo periodo di stagnazione economica e di declino politico associato a un dominio straniero poco fantasioso. Nel 1630 la città fu colpita dalla peste, una catastrofe poi vividamente rappresentata dall’autore locale Alessandro Manzoni nel suo romanzo storico I promessi sposi (1825-27). La fine della desolazione del periodo della dominazione spagnola iniziò con lo scoppio, nel 1701, della Guerra di successione spagnola, in seguito alla morte di Carlo II di Spagna. Nel settembre 1706 il principe Eugenio di Savoia entrò a Milano come primo governatore austriaco e la città passò così dal dominio spagnolo a quello austriaco.

Sebbene la prima metà del XVIII secolo sia stata segnata dall’incuria e dall’oppressione, dopo il trattato di Aix-la-Chapelle (1748), i nuovi governanti, in collaborazione con le ricche classi commerciali di Milano, hanno potuto favorire un mezzo secolo di crescita illuminata, seppur dispotica, e di fioritura della cultura milanese. È in questo periodo che furono attivi personaggi come Cesare Beccaria, l’eccezionale criminologo ed economista, e Pietro Verri, il geniale amministratore e letterato. Questi e altri membri di un gruppo milanese noto come Società dei Pugni accettarono le innovazioni dei teorici della Rivoluzione Francese, nonostante la censura austriaca. Fiorì anche l’architettura neoclassica.

Quando, il 15 maggio 1796, l’esercito repubblicano di Francia, con Napoleone Bonaparte alla guida, entrò a Milano, fu accolto con entusiasmo, soprattutto dalla classe media. Nel 1797 la Francia creò la Repubblica Cisalpina dai territori che aveva conquistato nel nord Italia. Questo Stato nominalmente indipendente fu ricostituito nel 1801 come Repubblica d’Italia, che a sua volta cessò di esistere nel 1805. Quell’anno Milano divenne la capitale del nuovo Regno d’Italia, sotto Napoleone, che fu incoronato re d’Italia nella città. Durante questo periodo la città prosperò dal suo dominio su gran parte della penisola italiana.

Il senso di preminenza di Milano fu però deluso dall’invasione e dal ristabilimento dell’autorità austriaca, che seguì il crollo dell’impero napoleonico nel 1814 e l’insediamento fatto dal Congresso di Vienna l’anno successivo. Venne proclamato un nuovo regno controllato dall’Austria, quello del Lombardo-Veneto, anche se le due regioni rimasero in realtà separate, e Milano perse il suo ruolo di capitale.

Influenzata dalle nuove correnti dell’unità d’Italia e dal nazionalismo risorgimentale, e furba sotto l’opprimente dominio austriaco, la cittadinanza milanese si alza finalmente nelle cinque giornate di Milano del 18-22 marzo 1848.

In quello che è diventato uno degli episodi più celebrati della storia della città, Milano è stata liberata dagli austriaci per diversi mesi fino a quando la ribellione non è stata finalmente messa sotto controllo. Nonostante il 6 agosto 1848 le brutali forze di occupazione dell’anziano comandante austriaco Joseph, il conte Radetzky, fossero di nuovo sotto il controllo di Milano, le forze di resistenza della città decisero di continuare la loro opposizione agli invasori. Giovani uomini attraversarono i confini della Sardegna-Piemonte per entrare nell’esercito della città. Una seconda guerra con l’Austria liberò finalmente Milano dal controllo straniero; pochi giorni dopo la battaglia di Magenta (4 giugno 1859), il popolo milanese assistette all’ingresso trionfale degli alleati antiaustriaci, Vittorio Emanuele II, re della Sardegna-Piemonte, e dell’imperatore francese Napoleone III. La città, ormai alle prese con una rivoluzione industriale che metteva l’accento sui prodotti metallici, fu da allora legata alle sorti del nuovo Stato italiano unificato, mantenendosi in una posizione di primaria importanza nell’economia nazionale.

Milano è stata la capitale del movimento riformatore socialista italiano alla fine dell’Ottocento, quando i lavoratori riuscirono a costruire una rete impressionante di organizzazioni cooperative, società di mutuo soccorso, sindacati e istituzioni di coordinamento come la Camera del Lavoro della città. Le figure chiave di questo movimento furono i socialisti Filippo Turati, Anna Kuliscioff e Claudio Treves. Milano fu anche sede di vari movimenti rivoluzionari, come quelli guidati dal nazionalista Enrico Corradini e dall’anarchico Armando Borghi. Dopo il 1914 un’amministrazione socialista riformista guidò la città sotto il sindaco Emilio Caldara; istituì una serie di moderne politiche comunali che favorirono la grande e ben organizzata classe operaia della città, che per la maggior parte abitava la periferia industriale.

Milano dal 1915

La prima guerra mondiale (1914-18) diede un enorme impulso all’industria pesante milanese, ma dopo la guerra Milano entrò in un periodo di instabilità. La rivoluzione minacciava nel 1920 quando i lavoratori organizzarono scioperi e occupazioni in circa 300 fabbriche della città. Ma nello stesso tempo c’era una forte opposizione milanese al socialismo; nel marzo 1919, la formazione di gruppi militanti di destra nella città segnò l’alba del fascismo. L’ascesa del fascismo a livello nazionale si riflette a Milano nell’agosto 1922, quando le squadre in camicia nera occupano il municipio e mettono fine alla democrazia locale. Il fascismo non conquistò mai la classe operaia milanese, ma godette di un notevole sostegno tra le classi amministrative, commerciali e imprenditoriali della città.

Dopo il 1943, durante la seconda guerra mondiale (1939-45), la città fu occupata dai tedeschi e Milano divenne la capitale della resistenza. La città fu liberata dai partigiani italiani prima dell’arrivo degli Alleati nell’aprile 1945. Il cadavere di Benito Mussolini fu esposto in Piazzale Loreto a Milano nello stesso mese.

Con l’avvento della successiva Guerra Fredda, la sinistra politica rimase forte, ma la Democrazia Cristiana dominò la politica locale fino ai primi anni Sessanta. La forza della sinistra costrinse poi la DC a un’alleanza di centro-sinistra. Le amministrazioni che si susseguirono lottarono per far fronte a enormi problemi sociali causati in parte da un boom economico (il “miracolo economico“), con l’arrivo in città di migliaia di immigrati e la crescita urbana incontrollata. Nel 1968 Milano era al centro del movimento studentesco italiano.

Nel 1969 un bombardamento in una banca nel centro di Milano uccise più di una dozzina di persone. La cosiddetta strage di Piazza Fontana, dapprima attribuita agli anarchici ma poi determinata ad essere opera dei neofascisti, segna l’inizio di un periodo difficile segnato da atti di terrorismo. Il terrorismo faceva parte di una “strategia di tensione” sviluppata dai neofascisti che, attraverso la creazione del caos, miravano a costringere lo Stato a misure repressive contro la sinistra. Anche gli anni Settanta sono stati dominati dal terrorismo, oltre che dalla depressione economica.

Un secondo boom economico arriva negli anni Ottanta, quando la città è governata da una successione di sindaci del Partito socialista italiano e sotto il controllo generale di Bettino Craxi, il primo ministro milanese. Il partito di Craxi si è distinto per il suo stile di modernizzazione e per il modo in cui ha abbracciato la nuova economia postindustriale. Tuttavia, nel 1992 si è rivelato un massiccio livello di corruzione istituzionalizzata: una serie di magistrati milanesi, tra cui Antonio Di Pietro, hanno arrestato numerosi politici e uomini d’affari con l’accusa di aver preso o dato tangenti. Milano, con la sua immagine di “capitale morale” dell’Italia a brandelli, divenne nota come Tangentopoli. Nel giro di due anni, le indagini “mani pulite” di Milano hanno portato allo scioglimento dell’intero sistema politico nato dalla guerra fredda. I socialisti cessarono di esistere, e la DC si divise in molte parti più piccole.

Gli scandali della corruzione degli anni Novanta hanno permesso alla Lega Nord, un nuovo partito federalista e di riforma fiscale, di avere un impatto a Milano, ma la sua principale base di potere è rimasta rurale e provinciale. Più popolare in città era il nuovo partito politico conservatore, Forza Italia, formato dal magnate milanese Silvio Berlusconi.

Berlusconi era diventato ricco grazie alla speculazione edilizia milanese; aveva anche acquistato la squadra di calcio del Milan all’inizio degli anni Ottanta. Il suo colpo da maestro, tuttavia, era stato la creazione e la promozione di una serie di società televisive e pubblicitarie di grande successo. La sua base milanese lo ha aiutato a formare FI, che ha vinto le elezioni nazionali nel 1994. Berlusconi è stato primo ministro italiano per meno di un anno prima che un’indagine per corruzione e controversie politiche lo portassero alle dimissioni. Tuttavia, è stato rieletto nel 2001 e nel 2008, quest’ultima volta alla guida di un nuovo partito di centro-destra, il Popolo della Libertà.

Milano è entrata nel XXI secolo con un’economia dinamica che si era trasformata in un centro di potere postindustriale, grazie alla posizione centrale della città, a una classe commerciale e finanziaria capace, e alla manodopera relativamente a buon mercato di centinaia di migliaia di immigrati. Molte aree della città sono state riqualificate e rivitalizzate, e Milano potrebbe giustamente affermare di essere una capitale mondiale della moda, del design, della finanza, dei servizi alle imprese, dei media e dell’editoria.