Categorie
Liguria

Genova

Genova è una città e sede del porto marittimo mediterraneo dell’Italia nord-occidentale. Capoluogo della provincia di Genova e della regione Liguria ed è il centro della Riviera italiana.

La popolazione di 575.577 abitanti (secondo dati del 2019 dell’ISTAT) la rendono la sesta città più grande d’Italia.

Geografia di Genova

Situata a circa 120 km a sud di Milano, sul Golfo di Genova, la città occupa una stretta pianura costiera (la sua superficie totale è di 240 km quadrati) e le pendici occidentali dell’Appennino. La città ha un clima mediterraneo mite.

Genova ha dato i natali a Cristoforo Colombo (1451), che incarnava l’attiva tradizione marittima della città.

Economia di Genova

La cantieristica navale è l’industria principale; altre industrie producono petrolio, tessile, ferro e acciaio, locomotive, carta, zucchero, cemento, prodotti chimici, fertilizzanti e attrezzature elettriche, ferroviarie e marine.

Genova è anche un importante centro per la finanza e il commercio. Il porto di Genova è in testa a tutti gli altri porti italiani per volume di traffico passeggeri e merci ed è la principale fonte di reddito della città. Gestisce le importazioni principalmente di carbone, olio grezzo e grano e le esportazioni principalmente di cotone e tessuti di seta, olio d’oliva e vino.

Clima di Genova

Genova ha un clima subtropicale umido (Cfa) nella classificazione climatica di Köppen, poiché solo un mese estivo ha meno di 40 millimetri di precipitazioni, impedendo che sia classificato come esclusivamente oceanico o mediterraneo, con una nota speciale per il basso genovese.

La temperatura media annuale si aggira intorno ai 19 °C di giorno e ai 13 °C di notte. Nei mesi più freddi: Dicembre, gennaio e febbraio, la temperatura media è di 12 °C durante il giorno e di 6 °C di notte. Nei mesi più caldi (luglio e agosto) la temperatura media è di 27,5 °C di giorno e 21 °C di notte. L’intervallo di temperatura giornaliera è limitato, con un intervallo medio di circa 6 °C tra alte e basse temperature. Genova vede anche una notevole moderazione dal mare, in netto contrasto con le zone a ridosso dei monti liguri.

La temperatura più fredda mai registrata è stata di -8 °C in una notte di febbraio 2012; la temperatura più alta mai registrata durante il giorno è di 38,5 °C nell’agosto 2015. Il numero medio annuale di giorni con temperature ≥30 °C è di circa 8, con una media di quattro giorni in luglio e agosto.

Genova è anche una città ventosa, soprattutto in inverno, quando i venti del nord portano spesso aria fresca dalla Pianura Padana (di solito accompagnati da temperature più basse, alta pressione e cielo limpido). Un altro vento tipico soffia da sud-est, per lo più come conseguenza delle perturbazioni atlantiche e delle tempeste, portando dal mare aria umida e più calda. Le nevicate sono sporadiche, ma si verificano quasi ogni anno, anche se sono rare le grandi quantità nel centro della città.

Monumenti ed edifici

È nota per i suoi numerosi esempi di architettura medievale, rinascimentale, barocca e gotica.

Il Palazzo Ducale, la Cattedrale di San Lorenzo, la Chiesa di San Matteo e Palazzo San Giorgio sono alcuni dei più importanti monumenti storici. Il Palazzo Bianco e il Palazzo Rosso sono le due maggiori pinacoteche; il Museo d’Arte Orientale Edoardo Chiossone e il Tesoro del Duomo hanno ampie collezioni medievali.

Le Strade Nuove (oggi Via Garibaldi) e i Palazzi dei Rolli, primi esempi europei di progetto di sviluppo urbano a struttura unitaria, sono stati dichiarati nel 2006 patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. L’Università di Genova (fondata nel 1471) è un importante centro di istruzione superiore dell’Italia settentrionale. La città ha anche diversi istituti commerciali e una scuola di navigazione.

Genova è collegata con le principali città d’Italia, Francia e Svizzera attraverso la ferrovia e le autostrade. Il suo porto è il principale sbocco per i prodotti agricoli e industriali del nord Italia e di gran parte dell’Europa centrale. L’aeroporto internazionale Cristoforo Colombo, situato a 6,5 km a ovest della città, offre voli nazionali e internazionali.

Acquario di Genova

L’Acquario di Genova è il più grande acquario d’Italia. Situato nella zona del porto vecchio di Genova, l’acquario di 3.100 m2 è un’organizzazione membro dell’Associazione Europea degli Zoo e degli Acquari (EAZA), e accoglie ogni anno più di 1,2 milioni di visitatori.

L’acquario è stato costruito originariamente per l’Expo di Genova ’92 (Esposizione Internazionale di Genova ’92 ), celebrando i 500 anni da quando il marinaio genovese Cristoforo Colombo scoprì il nuovo mondo. L’edificio, che alcuni dicono assomigli a una nave pronta a prendere il largo, è stato progettato dall’architetto genovese Renzo Piano. Il design degli interni e le prime esposizioni per l’inaugurazione nel 1992 sono stati progettati da Peter Chermayeff, alla guida di un team di progettisti di Cambridge Seven Associates. Nel 1998 l’acquario è stato ampliato con l’aggiunta di una nave di 100 metri (330 piedi) collegata da una passerella all’edificio originale.

Il concetto originale dell’esposizione era quello di mostrare il Mar Ligure, il Nord Atlantico e le scogliere dei Caraibi “da due prospettive, una l’incontro tra il Nuovo Mondo e il Vecchio Mondo del 1492, l’altra la consapevolezza ecologica del 1992 e del presente”.

L’acquario comprende 70 vasche per un totale di 6 miliardi di litri d’acqua e quasi 10.000 metri di spazio espositivo.

Le vasche ospitano 12.000 animali di 400 specie diverse tra pesci, mammiferi marini, uccelli, rettili, anfibi e invertebrati. Tra questi ci sono delfini, mucche di mare, squali, foche, razze, boa, meduse e pinguini.

Storia di Genova

Nell’antichità, quello che probabilmente iniziò come villaggio ligure sul colle di Sarzano, affacciato sul porto naturale (oggi Molo Vecchio), prosperò grazie ai contatti con gli Etruschi e i Greci. Come fiorente municipium romano divenne un nodo stradale, un porto militare e un mercato dei Liguri.

Dopo la caduta dell’Impero Romano, seguita dalle invasioni degli Ostrogoti e dei Longobardi, Genova esisteva da tempo in un’oscurità comparata come centro peschereccio e agrario con pochi commerci. Nel X secolo, tuttavia, la generale ripresa demografica ed economica dell’Europa portò nuove opportunità e permise ai genovesi di rispondere con vigore alla sfida delle incursioni musulmane.

Una flotta fatimide prese d’assalto e saccheggiò la città (934 o 935), ma i genovesi alzarono nuovamente le mura e contrattaccarono sotto la guida del loro vescovo e dei visconti locali. Ben presto le navi mercantili genovesi si misero a commerciare alacremente nel Mediterraneo occidentale e a fare scalo nei porti palestinesi.

Prima del 1100 un’associazione di volontariato di tutti i cittadini che contribuivano con armi, capitali o lavoro alla vita della comunità generava il comune indipendente di Genova; il potere esecutivo era affidato a un certo numero di “consoli” eletti ogni anno da un’assemblea popolare. La classe dirigente era composta principalmente da nobili insignificanti e borghesi benestanti. Il commercio marittimo era l’attività dominante. Durante il XII e XIII secolo Genova ebbe un ruolo di primo piano nella rivoluzione commerciale che l’Europa stava vivendo. Divenne una città di circa 100.000 abitanti, una potenza navale che trattava a parità di condizioni con le più grandi monarchie, e un centro commerciale che rivaleggiava solo con Venezia nel commercio del Levante e competeva con le altre città italiane nel commercio con l’Europa occidentale. Spezie orientali, coloranti e medicinali, tessuti e metalli occidentali, lana africana, pelli, corallo e oro erano i principali articoli di un commercio internazionale molto diversificato. Fiorirono le banche e la cantieristica navale.

Allo stesso tempo, i genovesi portarono tutta la Liguria, la maggior parte della Corsica e la Sardegna settentrionale, sotto il loro controllo diretto o indiretto e fondarono colonie commerciali autogestite lungo tutta la costa mediterranea. Molte di queste colonie furono il risultato della partecipazione genovese alle crociate e di campagne più brevi da parte dei soli genovesi in Spagna, in Africa e nel Levante, ma alcune furono create con la penetrazione pacifica e la contrattazione diplomatica. Le loro dimensioni spaziavano dai singoli edifici ai sobborghi murati delle città e, infine, a intere isole o distretti di terra costiera.

Il crollo degli stati crociati, con le loro enclavi genovesi, alla fine del XIII secolo fu ampiamente compensato dall’alleanza di Genova con l’Impero Bizantino con il Trattato di Ninfeo (1261), che aprì la strada a una grande espansione nel Mar Nero. Pera (l’odierna Beyoglu), il sobborgo indipendente genovese di Costantinopoli, superò gradualmente la capitale bizantina nello sviluppo economico, e Kaffa (l’odierna Feodosiya) divenne la capitale di un ampio tratto della costa della Crimea governata dai genovesi. Molte isole dell’Egeo divennero principati genovesi indipendenti.

Durante tutto questo periodo le lotte politiche interne a Genova furono quasi incessanti, ma non ostacolarono seriamente il progresso della comunità. Lo stato fu gestito come un affare di affari, a vantaggio delle famiglie dominanti (come gli Spinola, i Fieschi, i Grimaldi e i Doria) e in generale di tutta la popolazione. La forma di governo cambiò e si evolse, tanto che nella seconda metà del XIII secolo i “capitani del popolo” governavano con una durata illimitata e con il sostegno delle corporazioni.

Il tenore di vita di tutta la popolazione, compresi i nuovi immigrati, migliorò costantemente. L’orgoglio comunale e familiare portò alla costruzione di splendidi edifici, pontili, ponti e chiese.

L’apice politico di Genova fu segnato da una schiacciante vittoria navale sui pisani alla Meloria (1284) e una meno decisiva sui veneziani a Curzola (Korc̆ula, 1298), seguita da altri incontri di successo. Nello stesso periodo, il commercio marittimo raggiunse il suo apice. Nel corso del XIV e XV secolo, tuttavia, tutta l’Europa si trovava in una profonda crisi materiale e morale. A Genova le lotte di classe e di partito mantennero il governo in perenne tumulto e le finanze pubbliche furono rovinate dalla guerra. L’elezione dei dogi autoctoni secondo il modello veneziano, a partire da quello di Simone Boccanegra nel 1339, fu un vano tentativo di risolvere il problema politico.

Dopo essere uscita dai periodi della dominazione francese (1394-1409) e della signoria milanese (1421-35), Genova non era più una grande potenza. La Corsica è in perenne rivolta; la Sardegna è invasa dagli Aragonesi; le colonie levantine, divenute praticamente indipendenti dalla madrepatria, vengono conquistate dagli Egiziani o dai Turchi. Solo il dominio continentale (cioè la Liguria vera e propria) fu mantenuto con successo.

Dopo un periodo di successive intrusioni milanesi, francesi e spagnole, Andrea Doria, rampollo di una vecchia famiglia nobile genovese, costretto a una nuova costituzione (1528), ripristinò la sua città a un governo ordinato sotto dogi biennali e un’oligarchia dei vecchi e nuovi nobili mercanti; fece anche di Genova politicamente un satellite della Spagna, cercando di far sì che Genova fosse uno sfruttatore privilegiato del nuovo e vasto impero spagnolo nel Nuovo Mondo. Il risultato fu una parziale ripresa economica nel XVI e XVII secolo.

Con il declino delle fortune della Spagna e degli Stati italiani, anche quelle di Genova lo fecero. Verso la metà del XVIII secolo, il commercio era sceso al suo livello più basso. Nel 1768, con il trattato di Versailles, la repubblica cedette alla Francia il suo ultimo possedimento oltremare, la Corsica.

Durante le guerre rivoluzionarie francesi e napoleoniche, la repubblica vide la sua neutralità violata da entrambe le parti. Nel 1797, sotto la pressione di Napoleone Bonaparte, fu trasformata in Repubblica Ligure, sotto il protettorato francese. Nel 1805 Genova fu annessa all’Impero francese. Nel novembre 1814 il Congresso di Vienna assegna Genova alla casa sabauda. In seguito, nel XIX secolo, la marina mercantile si riprese rapidamente e il commercio genovese rifiorì, non solo nei tradizionali luoghi di ritrovo del Mediterraneo e del Mar Nero, ma anche in Estremo Oriente e nelle Americhe.

L’unità d’Italia nel 1861 ampliò ulteriormente il campo d’azione dell’attività genovese. Genova, allora il più grande porto commerciale italiano, si contendeva la supremazia nel Mediterraneo con Marsiglia e competeva con i porti del Mare del Nord per il commercio della Svizzera e dell’Europa centrale. Quando la quota di Genova in quest’ultimo porto diminuì un po’ nel XX secolo, la differenza fu controbilanciata dai sempre maggiori traffici da e per l’Italia settentrionale. L’università, in cui nel 1803 erano state fuse le preesistenti istituzioni di istruzione superiore, si distinse soprattutto per l’insegnamento di materie economiche e marittime.

Eugenio Montale

Eugenio Montale (12 ottobre 1896 – 12 settembre 1981) è stato poeta, scrittore di prosa, redattore e traduttore italiano e ha ricevuto il Premio Nobel per la Letteratura nel 1975.

Montale è nato a Genova, la sua famiglia era una famiglia di commercianti di prodotti chimici (il padre riforniva la ditta di Italo Svevo).

Montale era il più giovane di sei figli. Ricordava:

Eravamo una famiglia numerosa. I miei fratelli andavano allo scagno [“ufficio” in genovese]. La mia unica sorella aveva una formazione universitaria, ma io non ne avevo l’opportunità. In molte famiglie esisteva l’accordo tacito che il più giovane era stato liberato dal compito di mantenere il nome della famiglia.

Eugenio Montale

Nel 1915 Montale lavorava come contabile, ma fu lasciato libero di seguire la sua passione letteraria, frequentando le biblioteche della città e frequentando le lezioni private di filosofia della sorella Marianna.

Montale era in gran parte autodidatta. Crescendo, la sua immaginazione è stata catturata da diversi scrittori, tra cui Dante Alighieri, e dallo studio delle lingue straniere (soprattutto l’inglese), oltre che dai paesaggi della Liguria di Levante, dove trascorreva le vacanze con la famiglia.

Palmiro Togliatti

Palmiro Togliatti (26 marzo 1893 – 21 agosto 1964) è stato un politico italiano e leader del Partito Comunista Italiano dal 1927 fino alla sua morte. Fu soprannominato dai suoi sostenitori “Il Migliore”. Nel 1930 divenne cittadino dell’Unione Sovietica e più tardi ebbe una città in quel Paese che portava il suo nome: Tolyatti.

Vittorio Gassman

Vittorio Gassman (1 settembre 1922 – 29 giugno 2000), popolarmente noto come Il Mattatore, era un attore, regista e sceneggiatore italiano.

È considerato uno dei più grandi attori italiani ed è spesso ricordato come un interprete estremamente professionale, versatile e magnetico, la cui lunga carriera comprende sia importanti produzioni sia decine di divertimenti (che lo hanno reso molto popolare).

Nato a Genova da padre tedesco, Heinrich Gassmann (ingegnere di Karlsruhe) e madre ebrea pisana, Luisa Ambron, si è trasferito giovanissimo a Roma, dove ha studiato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico.

Paolo Villaggio

Paolo Villaggio (30 dicembre 1932 – 3 luglio 2017) è stato attore, doppiatore, scrittore, regista e comico italiano. È noto per i personaggi da lui creati con caratteristiche paradossali e grottesche: Il professor Kranz, l’ultra-timido Giandomenico Fracchia, e l’ossequioso e mite contabile Ugo Fantozzi, forse il personaggio preferito della commedia italiana. Scrisse diversi libri, di solito di carattere satirico. Ha anche recitato in ruoli drammatici, ed è apparso in diversi film.

Paolo Villaggio è nato a Genova da Ettore Villaggio (1905-1992), geometra palermitano, e Maria, veneziana, insegnante di lingua tedesca.

Cristoforo Colombo

Nacque prima del 31 ottobre 1451 nel territorio della Repubblica di Genova (oggi parte dell’Italia moderna), anche se la sua esatta collocazione rimane controversa. Suo padre era Domenico Colombo, un tessitore di lana che lavorava sia a Genova che a Savona e che possedeva anche un banco di formaggi presso il quale il giovane Cristoforo lavorava come aiutante.

Colombo non ha mai scritto nella sua lingua madre, che si presume fosse una varietà genovese di ligure: il suo nome nella lingua genovese del XVI secolo sarebbe stato Cristoffa Corombo. In uno dei suoi scritti, dice di essere andato per mare all’età di 10 anni. Nel 1470 i Colombo si trasferirono a Savona. Nello stesso anno, Cristoforo era su una nave genovese noleggiata al servizio di René d’Angiò per sostenere il suo tentativo di conquistare il Regno di Napoli.

Renzo Piano

Renzo Piano è un architetto italiano. Tra i suoi edifici di rilievo ricordiamo il Centre Georges Pompidou a Parigi (con Richard Rogers, 1977), The Shard a Londra (2012), il Whitney Museum of American Art di New York City (2015) e il Centro Culturale della Stavros Niarchos Foundation ad Atene (2016). Ha vinto il Pritzker Architecture Prize nel 1998.

Piano è nato a Genova in una famiglia di costruttori. Suo nonno aveva creato un’impresa di muratura, che era stata ampliata dal padre, Carlo Piano, e dai tre fratelli del padre, nello studio Fratelli Piano. L’azienda prosperò dopo la seconda guerra mondiale, costruendo case e fabbriche e vendendo materiali da costruzione. Quando il padre andò in pensione, l’impresa era guidata dal fratello maggiore di Renzo, Ermanno, che studiava ingegneria all’Università di Genova.

Benché Renzo Piano completò gli studi a Milano ed è continuamente in giro per il mondo a causa del suo lavoro, non ha mai perso il collegamento con Genova e lo dimostra l’amore e il dono del nuovo ponte nato al posto del Ponte Morandi, tragicamente crollato nel 2018.